I K I G A I - Alla ricerca della felicità

- January 25, 2018 -
I K I G A I - Alla ricerca della felicità
Come vi avevo anticipato qualche giorno fa sul mio profilo Instagram, ecco il mio Post dedicato alla ricerca del proprio I K I G A I.
Una parola giapponese dolcissima e parecchio magica, che racchiude dentro di sé un significato molto più grande e speciale che ci riguarda tutti da molto vicino, perchè parla proprio del Senso più profondo che la Vita ha per ciascuno di noi.


Da un po' di tempo ho scelto di vivere le mie giornate in maniera diciamo sospesa, tra il lavoro frenetico di una qualsiasi designer freelance e la vita immaginaria che, a livello intimo ed emotivo, ha sempre rappresentato per me nutrimento ed ispirazione.
Mi sto dedicando sinceramente e con grande entusiasmo alla mia crescita, soprattutto non più soltanto professionale ma anche umana. Ho ripreso a coltivare una piccola, ma profonda, parte di quella che sono davvero e che, per troppo tempo, preoccupata di arrivare a fine mese, ho lasciato nel dimenticatoio.
Finalmente ad un tratto ammetto di essermi svegliata. E sono ritornata. Più presente e autentica, soprattutto a me stessa. Ho incominciato ritagliandomi sempre del tempo per tutti quei libri che mi hanno pazientemene aspetttato sulle mensole e sono tornata a scrivere anche quelle cose che nessuno leggerà mai, ma che serve indirizzare alla persona che voglio diventare.

Ho ripreso a domandarmi sempre dove vorrò essere tra qualche tempo, e cosa invece oggi necessita un cambiamento nel mio modo di guardare quello che ho di fronte.
Sono ritornata a guardarmi dentro e sono partita di nuovo alla ricerca. Di cosa?

Sto parlando di quell'incredibile S E N S O che tutti, prima o poi, ricercano per capire il perchè e non solo il come.
Ho sempre creduto che bisognasse cercarlo, che si potesse anche in qualche maniera trovarla quella forza, quella motivazione. Quel piccolo campanello che sembra chiamare solo te e al quale, rispondendo "presente", finisci per legare il motivo per cui la mattina ti alzi e sei vivo davvero, al 100%, con tutte le tue forze.
Adesso, dopo aver letto questo piccolo libro che è disponibile anche in italiano, so che in Giappone questa motivazione ha una parola bellissima che la definisce. Si chiama I K I G A I ed è il segreto delle persone che vivono a lungo (ad Okinawa risiedono moltissimi ultra-centenari oggetto di studi scientifici) e per di più serenamente. Delle persone che hanno trovato il proprio posto nel Mondo e che, nonostante le avversità o mille altre cadute e problemi vari, rimaranno serene e grate, in una parola felici.
Ikigai può esser tradotto come la "ragione per cui alzarsi al mattino" o anche "ragione d'essere".
I giapponesi credono che ognuno di noi ne custodisca uno specifico, e che portarlo alla Luce significhi rendere la propria Vita unica, soddisfacente e di grande Valore per il Mondo intero.
E' un invito incredibile al fare, a mettersi in gioco per noi stessi e le nostre comunità, trovando esattamente qual è il punto di connessione tra ciò che amiamo fare e ciò che sappiamo fare bene.
La differenza è sottile ma il senso di felicità che ci pervade, quando troviamo il nostro posto nel Mondo, è il carburante che alimenta una Vita lunga e soddisfacente sotto tutti i punti di vista.

Per trovarlo bisogna lavorare molto a livello introspettivo, che sappiamo bene non è quasi mai facile da attuare ma... ogni sforzo ci conduce sempre da qualche altra parte, giusto?
Stiamo parlando di un concetto molto semplice se ci pensate, ma è proprio per questo che mettersi in ascolto di sè e riuscire a trovarlo può fare la differenza nel modo in cui continueremo il nostro percorso creativo e vitale.
D'altronde sono proprio le piccole cose che rendono possibili le grandi rivoluzioni. Quelle che cambiano le persone dal di dentro, quelle che diventano memorabili.


Se questa piccola introduzione all' Ikigai ti è piaciuta (e ovviamente lo spero moltissimo), ti prometto che approfondiremo l'argomento e, nel frattempo, per aiutarti magari a tirar fuori i tuoi pensieri, mettendoli su carta, ho creato anche un foglio stampabile A4 che puoi scaricare QUI e che magari ti aiuterà come promemoria ;-).

Io ritorno alle consegne da ultimare e nel frattempo auguro di cuore a me e a voi una buona e fruttuosa ricerca!!!

WORLD 🌿 INTERIORS #24

- January 19, 2018 -
WORLD 🌿 INTERIORS #24
Per festeggiare insieme l'arrivo del weekend, niente di meglio che... un giro virtuale tra le mura di una casa oggetto di una ristrutturazione meravigliosa grazie al progetto dello studio di architettura Gommez-Vaëz Architecte con base a Parigi.


Un lavoro che riesce ad armonizzare sapientemente i tratti principali dello stile nordico, ma anche a fondere il genius loci (non dimentichiamoci che la casa in oggetto si trova in Francia ed è una 
longère, ovvero la tipica casa rurale lunga e bassa che si trovano in Bretagna) e i tratti di una dimensione più country attraverso dettagli e una palette colori incredibilmente piacevole e rilassante, che (come ormai ben saprete) è anche la mia preferita in assoluto!!!
Il pavimento in pietra è un altro dettaglio che mi ha subito piacevolmente colpito, considerato che è anche un pavimento usato moltissimo da noi in Puglia e che spesso tende a prevalere sull'atmosfera generale della casa, richiamando sempre l'appeal della Masseria anche quando magari l'effetto non è voluto.
In questo caso invece il pavimento risulta quasi discreto e anzi, aggiunge quel giusto tocco di Mediterraneo alle scelte cromatiche degli ambienti.
Le piante poi rendono tutto lo spazio piacevolmente vitale e fresco, come sempre la loro presenza in un interno è davvero sinonimo di benessere sia per gli occhi che per la mente!!!
Che ne pensate poi della cucina e della sua tonalità di colore? Non sono bellissimi i dettagli in legno scelti per la postazione ad isola?
Io spero che questo Home tour vi abbia riempito di freschezza e voglia di Natura, e nel frattempo vi auguro di cuore buon weekend Pazzerelli!!! 

All the photos are from Gommez-Vaëz Architecte HOUZZ


FURNITURE LOVES Fredericia Furniture

- January 15, 2018 -
FURNITURE LOVES Fredericia Furniture
E quindi rieccomi qui!!!
Un po' in ritardo sulla tabella di marcia, anche se solo di una settimana, ma sono tornata.
Carica di energia positiva e frizzante insieme al primo Post di questo nuovo anno che si preannuncia carico di nuovi interessanti progetti.
Creativi, da condividere insieme speriamo anche dal vivo (dai dai che forse si avverano tante cose!!!) e soprattutto sempre più green e poetici.
Perchè ve l' avevo già scritto nell'ultimo Post del 2017, ma ci teno davvero che da quest'anno in questo Giardino ci sia tanta Poesia ad accogliervi e farvi scegliere di tornare ancora qui, a tenerci compagnia tra letture interessanti e momenti di crescita (anche professionale e personale perchè no?)!!!
Che ne dite allora di cominciare subito ad immergervi nei nuovi contenuti scelti per tutti noi innamorati della Poesia e del Design emozionale?
Il Post di oggi è perfetto per far brillare gli occhi anche a voi soprattutto se siete alla ricerca di...
  • arredi contemporanei che si adattano a qualsiasi casa
  • arredi progettati seguendo le linee di un Design squisitamente nordico ed essenziale
  • siete come me fissatissimi per il Dettaglio di progetto che ti lascia senza parole
Se vi ho incuriosito ecco che vi presento uno dei brand storici quando si parla di Design nordico e senza Tempo.

F  R E D E R I C I A Furniture nasce nel 1911 come azienda produttrice di Sedie, diventando con il passar degli anni sinonimo, per tutti gli addetti ai lavori, di amore per la Qualità e passione per il Progetto alla base di ogni mobile o complemento da loro realizzato.
Un artigianato di altissimo livello che si lega alla necessità di rendere Estetica anche la più semplice delle esperienze quotidiane. Anche una semplice sedia è da loro interpretata secondo alti standard estetici e funzionali. Sin da subito, ma ancora tutt'oggi, i Designers con cui collaborano e che scelgono di valorizzare sono in assoluto i migliori e i più quotati per la loro bravura di progettisti.
Ecco qui per voi alcune fantastiche immagini con protagonisti alcuni arredi della loro incredibile produzione e, intutile dirvelo, ho scelto tutti quelli che sono in assoluto i miei preferiti.
Guarda un po' c'è anche un'intera collezione che prende il nome di Haiku. Dei divani dalle linee accoglienti, pensati per sintetizzare in poche linee un Concept che parla più lingue (il team di designers è formato da un italiano e una danese, vi dice niente il nome GamFratesi?) e che presenta moltissime sfumature ed obbiettivi al suo interno.
Voi cosa ne pensate? Non trovate anche voi che la selezione dei Designers con cui lavorano sia assolutamente impeccabile?

Steak Royal, Copenhagen, Denmark
Photo: Enok Holsegaard
HAIKU Sofa design by GamFratesi
HAIKU 2 seat design by GamFratesi
No. 1 Series By Børge Mogensen
Spoke-Back Sofa by Børge Mogensen
Hermann's, Berlin, Germany
Photo: Steve Herud
J39 - The People's Chair by Børge Mogensen